(Adnkronos) – L'Ucraina deve arrendersi dopo 2 anni di guerra con la Russia? Cosa pensa il Papa a oltre 24 mesi dall'inizio del conflitto innescato dall'aggressione di Vladimir Putin? "È un'interpretazione. Ma credo che è più forte chi vede la situazione, chi pensa al popolo, chi ha il coraggio della bandiera bianca, di negoziare. E oggi si può negoziare con l'aiuto delle potenze internazionali", ha detto il Pontefice in una intervista alla Radio Televisione Svizzera rilanciata dai media vaticani.  "La parola negoziare – ha aggiunto – è una parola coraggiosa. Quando vedi che sei sconfitto, che le cose non vanno, occorre avere il coraggio di negoziare. Hai vergogna, ma con quante morti finirà? Negoziare in tempo, cercare qualche Paese che faccia da mediatore. Oggi, per esempio nella guerra in Ucraina, ci sono tanti che vogliono fare da mediatore. La Turchia, si è offerta per questo. E altri. Non abbiate vergogna di negoziare prima che la cosa sia peggiore". Anche il Papa si è proposto per negoziare? "Io sono qui, punto. Ho inviato una lettera agli ebrei di Israele, per riflettere su questa situazione. Il negoziato non è mai una resa. È il coraggio per non portare il Paese al suicidio. Gli ucraini, con la storia che hanno, poveretti, gli ucraini al tempo di Stalin quanto hanno sofferto". Il quadro internazionale è scosso dalla crisi in Medioriente. "Tutti i giorni alle sette del pomeriggio chiamo la parrocchia di Gaza. Seicento persone vivono lì e raccontano cosa vedono: è una guerra. E la guerra la fanno due, non uno. Gli irresponsabili sono questi due che fanno la guerra", ha detto Bergoglio. "Poi non c'è solo la guerra militare, c'è la 'guerra-guerrigliera', diciamo così, di Hamas, un movimento che non è un esercito. È una brutta cosa", ha aggiunto. Alla domanda se non si debba perdere la speranza di provare a mediare, ha detto: "Guardiamo la storia, le guerre che abbiamo vissuto, tutte finiscono con l'accordo".  Come rispondono i potenti della terra al Papa quando chiede la pace? "C'è chi dice, è vero ma dobbiamo difenderci… E poi ti accorgi che hanno la fabbrica degli aerei per bombardare gli altri. Difenderci no, distruggere. Come finisce una guerra? Con morti, distruzioni, bambini senza genitori. Sempre c'è qualche situazione geografica o storica che provoca una guerra… Può essere una guerra che sembra giusta per motivi pratici. Ma dietro una guerra c’è l'industria delle armi, e questo significa soldi", ha ribadito. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)