Samantha Cristoforetti, astronauta dell’European Space Agency (Esa), è stata nominata comandante della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), lo rende noto un comunicato della stessa Agenzia. Sarà il quinto comandante europeo e il secondo di nazionalità italiana.

La nomina

La notizia della nomina della Cristoforetti è stata confermata anche dall’Agenzia Spaziale Italiana e il passaggio di consegne ufficiale è programmato per il 28 settembre. Durante la cerimonia, che sarà trasmessa in diretta dalla web tv dell’Esa, l’attuale comandante russo Oleg Artemyev donerà una chiave ad Astrosamantha, che rappresenterà il passaggio simbolico della carica. 

La decisione di assegnare il ruolo alla nostra astronauta è stata presa congiuntamente da tutte e cinque le agenzie spaziali nazionali dei Paesi partner della Stazione Spaziale Internazionale, ovvero sia Nasa (Usa), Roscosmos (Russia), Jaxa (Giappone) e Csa (Canada). La Cristoforetti sarà il quinto comandante proveniente dall’Agenzia europea, la seconda italiana (dopo Luca Parmitano) e soprattutto la prima donna europea in assoluto.

“Sono onorata della mia nomina a comandante, non vedo l’ora di attingere all’esperienza che ho acquisito nello spazio e sulla Terra per guidare una squadra molto capace in orbita”, ha affermato la donna, attualmente impegnata nella missione Minerva, inaugurata lo scorso 28 aprile.

Giorgio Saccoccia, presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, si è congratulato con l’astronauta affermando che “la sua nomina è motivo di particolare orgoglio per l’Italia e per l’Europa. Come prima donna europea a ricoprire la carica di comandante della Stazione Spaziale Internazionale, Samantha sarà ancora una volta fonte d’ispirazione per le giovani generazioni. Un incarico di tale valore affidato per la seconda volta ad un astronauta di nazionalità italiana è anche la conferma del ruolo e dell’importanza che riveste il nostro Paese nell’esplorazione dello spazio e nelle attività spaziali internazionali. Auguri Samantha da parte di tutta l’Agenzia Spaziale Italiana e dai tuoi concittadini”.