(Adnkronos) – Torna l’appuntamento con “Salva la tua lingua locale” il più autorevole premio letterario dedicato ai dialetti: la cerimonia di premiazione dell’undicesima edizione si svolgerà giovedì 7 dicembre, a partire dalle 9, nella sala delle Protomoteca del Campidoglio, a Roma. Otto le sezioni, tutte a tema libero, di cui saranno assegnati i riconoscimenti: “Poesia” (edita ed inedita), “Prosa” (edita ed inedita), “Teatro inedito” e “Fumetto edito”, “Musica” e il premio ”Tullio De Mauro” intitolato all’illustre e compianto linguista (già presidente onorario di “Salva la tua lingua locale”) e dedicato a lavori scientifici editi o inediti (saggi, tesi di laurea, studi su dialetti e/o lingue locali e dizionari). La premiazione costituisce un’importante occasione per prendere contatto con l’inestimabile patrimonio culturale rappresentato da dialetti e lingue locali, declamati in poesie, racconti, fumetti, canzoni, opere classiche e dizionari. Alla cerimonia interverranno il presidente dell’Unione Nazionale delle Pro Loco, Antonino La Spina, il presidente di Autonomie Locali Italiane-Lazio, Luca Abbruzzetti e l’assessore alla Cultura del Comune di Roma, Miguel Gotor. Ospite d’eccezione l’attore e conduttore di “Uno Mattina in Famiglia” (Rai 1), Beppe Convertini; l’evento sarà condotto da Adriana Volpe. “Salva la tua lingua locale” è stato istituito, è promosso ed è organizzato dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia e da Autonomie Locali Italiane–Lazio (ALI), con la collaborazione del Centro Internazionale Eugenio Montale e, per la sezione scuola, dell’ong Eip – Scuola Strumento di Pace. Nel corso delle edizioni sono, complessivamente, oltre tremila gli autori ad aver partecipato e quattromila le opere esaminate dalle varie giurie; il premio nasce con l’obiettivo di valorizzare scrittori, poeti e autori che si esprimono in dialetto ed in piena armonia con le direttive dell’UNESCO presso cui Unpli è accreditata dal 2012, nell’ambito della Convenzione per la salvaguardia dei patrimoni culturali immateriali. Presidente onorario di “Salva la tua lingua locale” è Giovanni Solimine, già professore ordinario di “Biblioteconomia” e di “Libro, Editoria, Lettura” presso l‘Università degli studi di Roma La Sapienza, e anche presidente della Fondazione Bellonci che organizza il Premio Strega. Il premio ha ricevuto i patrocini del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati. Come ogni anno, gli elaborati dei vincitori e dei finalisti delle singole categorie sono raccolti in un’apposita antologia disponibile in formato cartaceo e digitale. Sin dalla prima edizione, i contributi di “Salva la tua lingua locale” sono registrati ed entrano a far parte del canale “Memoria Immateriale”, il canale YouTube che rappresenta l’inventario on line delle tradizioni italiane: un archivio prezioso, unico nel suo genere, fortemente voluto e continuamente implementato dall’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia. Nel corso dei dieci anni dall’attivazione “Memoria immateriale” ha raccolto quasi duemila video e interviste sui temi della Convenzione UNESCO del 2003 (saperi, tradizioni, artigianato, oralità, riti, conoscenze, pratiche sociali, ecc.), con oltre 3 milioni di visualizzazioni, registrate in Italia e all’estero. Disponibile anche l’archivio sonoro del Premio che accoglie le registrazioni audio inviate dai concorrenti delle sezioni di Poesia Inedita e Prosa Inedita, oltre 200 i contributi disponibili.  Le giurie. Giuria Generale: Salvatore Trovato (Presidente), Luigi Manzi, Giovanni Tesio, Plinio Perilli, Patrizia Del Puente, Tonino Tosto, Gianna Marcato, Rita Caprini. Premio “Tullio De Mauro”: Salvatore Trovato (Presidente), Mari D’Agostino, Cristina Lavinio, Luca Lorenzetti, Giovanni Ruffino. Sezione Musica: Toni Cosenza (Presidente), Andrea Carpi, Elisa Tonelli, Pasquale Menchise, Luciano Francisci, Marco Rho, Rosario di Bella, Matteo Persica La sezione “Scuola”. La sezione “Scuola” è articolata in tre sezioni (Poesia, Prosa e Musica) tutte a tema libero ed è riservata agli studenti delle scuole primarie, secondarie di I e di II grado; la partecipazione è possibile in forma individuale o di gruppo. L’organizzazione è dettata da un apposito regolamento, contraddistinta da un’autonoma cerimonia di premiazione e da una specifica giuria. Otto in totale le edizioni che si sono svolte, tre sono saltate a causa della pandemia. Alla sezione “Scuola” hanno partecipato, complessivamente, 397 istituti e sono pervenute 535 opere; l’edizione 2022 ha registrato l’adesione di 65 istituti, 80 i componimenti presentati. Al momento è ancora aperto il bando per la partecipazione alla nona edizione, la scadenza è il 18 gennaio. La cerimonia di premiazione si svolgerà, presumibilmente, nel mese di maggio 2024. —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)