(Adnkronos) –  
Milano, 27 Dicembre 2023. È possibile investire in strumenti finanziari che offrano rendimenti interessanti e vantaggi notevoli per le aziende non quotate? Esploriamo i dettagli di una forma di investimento chiamata “minibond”, scoprendo le opportunità e le considerazioni cruciali per ottimizzare le possibilità delle imprese di investire in modo intelligente e sicuro. Scopriamo come i minibond offrano un'opportunità unica di investimento, esaminando gli aspetti principali, i vantaggi e le potenziali sfide di questo strumento finanziario. 
Cosa sono i minibond?
 I minibond rappresentano un tipo di obbligazione a medio-lungo termine, emessa da piccole e medie imprese per finanziare progetti di crescita ed espansione. Questi strumenti finanziari si distinguono per la loro natura: offrono alle imprese la possibilità di accedere al mercato dei capitali per ottenere finanziamenti senza dover necessariamente ricorrere al credito bancario tradizionale. Le PMI emettono minibond per raccogliere fondi da investitori istituzionali, investitori qualificati o anche da privati, offrendo loro interessi periodici e il rimborso del capitale alla scadenza dell'obbligazione. Solitamente, i minibond hanno un valore inferiore ai 50 milioni di euro e un periodo di maturità che va dai 3 ai 5 anni, fino a un massimo di 7, consentendo alle imprese di pianificare investimenti a medio termine e di diversificare le loro fonti di finanziamento. Una delle principali ragioni per cui le PMI scelgono i minibond come forma di finanziamento è la riduzione della dipendenza dal credito bancario: l'accesso al mercato dei capitali offre alle imprese la possibilità di diversificare le fonti di finanziamento, riducendo il rischio associato a una dipendenza eccessiva dalle banche e aprendo la strada a opzioni finanziarie più flessibili, la cosiddetta finanza alternativa e complementare. Investire in minibond può rappresentare un'opportunità interessante per gli investitori alla ricerca di rendimenti superiori rispetto ai tradizionali strumenti di risparmio, come i depositi bancari. Tuttavia, è importante sottolineare che i minibond possono comportare un livello di rischio più elevato rispetto agli investimenti considerati più sicuri, poiché il loro valore può dipendere dalle performance e dalla stabilità finanziaria dell'azienda emittente. È essenziale per gli investitori comprendere i dettagli dell'azienda che emette il minibond, valutando la sua solidità finanziaria, la sua posizione sul mercato, i piani di crescita e il settore di appartenenza prima di procedere con un investimento. Inoltre, poiché i minibond non sono generalmente quotati in mercati regolamentati, la loro liquidità può essere limitata, rendendo il periodo di investimento un aspetto da considerare attentamente. 
Chi può emettere i minibond?
 Questi strumenti finanziari possono essere emessi da società italiane che rispettino determinati criteri specifici. Per essere eleggibili a emettere minibond, infatti, le aziende devono essere non quotate e localizzate in Italia, con un fatturato annuo superiore a EUR 2 milioni e che impieghino almeno 10 dipendenti. Questi criteri servono a identificare player che abbiano raggiunto una certa solidità finanziaria e operativa, ma che possano beneficiare dell'accesso a nuove fonti di finanziamento per sostenere la propria crescita. È importante sottolineare che, se da un lato i minibond offrono alle PMI l'opportunità di accedere al mercato dei capitali senza dover ricorrere esclusivamente ai prestiti bancari, dall’altro le imprese devono essere consapevoli dei vincoli e degli oneri associati all'emissione di questi strumenti finanziari, come costi legali, amministrativi e di consulenza, che possono incidere sui benefici ottenuti dal finanziamento. 
Investire nei minibond: chi può farlo? Quali sono i vantaggi?
 I minibond offrono un'opportunità di investimento sia per investitori istituzionali che per investitori privati qualificati, ciascuno con requisiti specifici e accesso differenziato a questo tipo di strumento finanziario. 
Investitori Istituzionali
 Istituzioni finanziarie come banche, assicurazioni, fondi pensione e altri investitori istituzionali possono sottoscrivere minibond. Queste entità sono solitamente regolate da normative e leggi finanziarie specifiche, consentendo loro di accedere a una gamma più ampia di strumenti finanziari, compresi i minibond. Per gli investitori istituzionali, i minibond possono rappresentare un'opportunità di diversificare il proprio portafoglio di investimenti e ottenere rendimenti interessanti a medio-lungo termine. 
Investitori Privati Qualificati
 Gli investitori privati qualificati, persone fisiche con un certo livello di patrimonio e conoscenza finanziaria, possono anch’essi investire in minibond. Questi soggetti devono soddisfare requisiti specifici in termini di patrimonio e competenze finanziarie, dimostrando di avere la capacità e la conoscenza per comprendere i rischi associati all'investimento. L'accesso dei privati qualificati ai minibond offre loro l'opportunità di diversificare il proprio portafoglio e potenzialmente ottenere rendimenti più elevati rispetto a strumenti finanziari tradizionali. È importante notare che, nel caso dei minibond emessi da una Società a Responsabilità Limitata (Srl), la normativa prevede che possano essere sottoscritti solo da investitori istituzionali. Questa restrizione mira a garantire una maggiore protezione per gli investitori privati in relazione ai rischi associati alle operazioni di minibond emesse da determinati tipi di società. I vantaggi per gli investitori nei minibond includono la possibilità di ottenere rendimenti interessanti rispetto ai tradizionali strumenti di risparmio, come i depositi bancari. Tuttavia, è essenziale considerare attentamente i rischi associati, poiché il valore dei minibond può dipendere dalle performance e dalla stabilità finanziaria dell'azienda emittente. Inoltre, gli investitori dovrebbero valutare la liquidità di tali strumenti, poiché i minibond potrebbero non essere facilmente negoziabili sul mercato primario o secondario. Responsabilità editoriale: TiLinko – Img Solutions srl —immediapress/economia-finanzawebinfo@adnkronos.com (Web Info)