Il Segretario del Partito Democratico Enrico Letta ha parlato alla conferenza stampa organizzata per commentare i risultati delle elezioni, che hanno visto la coalizione di centro sinistra sprofondare a vantaggio del centro destra a trazione Giorgia Meloni.

Le parole 

Letta ha immediatamente riconosciuto la drammatica sconfitta del Partito Democratico in apertura della sua conferenza stampa, affermando che “gli italiani e le italiane hanno scelto, una scelta chiara e netta, la destra, il governo avrà un governo di destra. Oggi è un giorno triste per l’Italia e l’Europa”.

Il leader della coalizione di centro sinistra ha espresso rammarico per il risultato, ricordando che “questa legislatura sarà la più a destra, è un rammarico profondo ma anche uno stimolo a continuare a lottare”, e parallelamente annunciando che “nei prossimi giorni riuniremo gli organi di partito per accelerare il percorso che porterà a un congresso”.

Il congresso, annunciato per Marzo sarà un incontro “di profonda riflessione, sul concetto di un nuovo Pd che sia all’altezza di questa fida epocale, di fronte a una destra che più destra non c’è mai stata”. Inoltre, il Segretario ha annunciato il fatto che non si candiderà più alla guida del partito, affermando: “assicurerò con spirito di servizio la guida del Pd fino al congresso a cui non mi presenterò da candidato”.

In conclusione del suo intervento, il leader ha fatto una riflessione sul risultato affermando che “i numeri dimostrano che l’unico modo per battere la destra era il campo largo, non è stato possibile non per nostra responsabilità” e, insieme, ha attaccato l’ex alleato Calenda, accusato di aver operato del “fuoco amico” contro il risultato finale della coalizione di centro sinistra.