(Adnkronos) – L'apparato militare di Israele non aveva un piano per rispondere ad un attacco su larga scala di Hamas. E' il risultato a cui arriva l'inchiesta del New York Times sulla base delle testimonianze di funzionari ed ufficiali interpellati sul 7 ottobre. "Le ragioni alla base della lenta risposta dell'esercito potrebbero richiedere mesi per essere comprese. Il governo ha promesso un'inchiesta. Ma un'inchiesta del New York Times ha rivelato che l'esercito israeliano era a corto di personale, fuori posizione e così mal organizzato che i soldati comunicavano in gruppi WhatsApp improvvisati", si legge sul quotidiano.  "Non c'era alcun piano di difesa per un attacco a sorpresa", ha detto al giornale Amir Avivi, ex vice capo della Divisione di Gaza. "L'esercito non si prepara a cose che ritiene impossibili", ha commentato l'ex consigliere per la sicurezza nazionale Yaakov Amidror. Il rapporto dipinge il quadro di un esercito che per lunghe ore non è riuscito a comprendere la portata dell'attacco, rispondendo lentamente e in modo inefficiente, inviando squadre troppo piccole che erano mal equipaggiate per affrontare un attacco di massa.  L'attacco di Hamas alla base della Divisione Gaza dell'IDF a Re'im viene inoltre evidenziato come chiave per il successo dell'assalto, perché ha portato alla paralisi dell'unità responsabile del coordinamento di tutte le attività militari nella regione. In mancanza di direttive o ordini chiari, molte unità hanno fatto ricorso all'utilizzo di app come WhatsApp e Telegram per raccogliere informazioni su obiettivi e persone bisognose di assistenza.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)