(Adnkronos) – Quando si parla di Irpef, a essere interessati sono quasi la totalità di coloro che producono reddito in Italia. L’imposta sul reddito delle persone fisiche, infatti, rappresenta una delle componenti fondamentali del Fisco italiano ed è un balzello diretto, personale e progressivo. Solitamente quando si calcola l’Irpef sul reddito prodotto, si ottiene l’Irpef lorda, ovvero l’imposta dovuta. Mentre quella che realmente si è tenuti a versare è l’Irpef netta. Come si calcola l’imposta netta partendo da quella lorda? Non si tratta di un calcolo difficile poiché per determinare l’imposta lorda i passaggi da fare sono piuttosto semplici. Per prima cosa si deve calcolare il reddito complessivo, ovvero la somma di tutti i redditi prodotti dal soggetto nell’anno di imposta. Al reddito complessivo si devono sottrarre gli eventuali oneri deducibili cui si ha diritto, per determinare l’imponibile fiscale a cui si applicano le aliquote Irpef per lo scaglione di reddito in cui si ricade. Per il 2024 le aliquote e gli scaglioni sono tre, ovvero: ● per redditi fino a 28.000 euro si applica l’aliquota del 23%; ● per redditi da 28.001 a 50.000 euro si applica l’aliquota del 35%; ● per i redditi che superano i 50.000 euro si applica l’aliquota del 43%.  Una volta moltiplicato il reddito imponibile per le percentuali di Irpef che riguardano gli scaglioni in cui si ricade si ottiene l’Irpef lorda, ovvero l’imposta dovuta. Per calcolare l’Irpef netta da quella lorda non resta altro da fare che sottrarre le detrazioni di imposta spettanti per l’anno questione. Si tratta di tutti quegli oneri per cui spetta una detrazione dall’Irpef (una sottrazione dall’imposta dovuta) e sono, in linea generale: ● spese mediche; ● spese di istruzione; ● spese funebri; ● interessi passivi dei mutui; ● spese veterinarie; ● spese universitarie; ● spese di affitto; ● spese per l’intermediazione immobiliare. La lista delle detrazioni è molto lunga, ma basti dire che su questi oneri appena elencati (e su molti altri) spetta una detrazione al 19%. Ci sono, poi, delle detrazioni che riconoscono anche una percentuale maggiore, come quelle per le ristrutturazioni edilizie. Una volta sottratte tutte le detrazioni spettanti dall’imposta lorda si ottiene l’Irpef netta, ovvero l’imposta che si deve realmente versare per quell’anno di imposta. —facilitaliawebinfo@adnkronos.com (Web Info)