(Adnkronos) – Il giro di incontri romani di oggi di Angelo Chiorazzo, prima con Elly Schlein e poi con Giuseppe Conte, a sera non ha ancora portato ad una soluzione per le regionali in Basilicata. L'imprenditore del Terzo settore nel pomeriggio, dopo indiscrezioni che davano per ritirata la sua candidatura, ha messo in chiaro che lui resta in campo. A quanto si riferisce, Chiorazzo avrebbe avanzato la proposta di un nome alternativo al suo, quello di Giampiero Maruggi, coordinatore del programma del movimento che sostiene l'imprenditore lucano, 'Basilicata casa comune'. Un nome che appare non troppo solido, tanto che c'è si sospetta sia stato fatto per essere messo da parte.  Intanto a sera, dopo il confronto con Chiorazzo, sia dal Nazareno che dai 5 Stelle viene rimarcata la volontà di andare avanti per trovare una soluzione unitaria. E se Igor Baruffi e Davide Taruffi, responsabili Organizzazione e Enti locali dem, fanno sapere che "il confronto di queste ore per arrivare ad una soluzione unitaria in Basilicata è positivo", dai 5 Stelle si sottolinea che però "occorre però un ulteriore passaggio per giungere all'indicazione di una candidatura credibile e unitaria". Insomma, c'è ancora da lavorare. I 5 Stelle danno la loro disponibilità: "Il M5S continua a lavorare senza risparmio per un progetto condiviso e di ampio respiro in grado di far voltare pagina alla Basilicata". Ed ancora: "Siamo disponibili, così come dimostrato, a sederci per trovare insieme la soluzione che rappresenti il futuro migliore per questa regione". C'era chi sperava di chiudere questo confronto prima delle elezioni in Abruzzo. Ed è proprio alla sfida di domenica che Pd e M5S fanno riferimento."Le interlocuzioni intercorse tra le forze politiche e civiche, a partire da Basilicata Casa comune, confermano la consapevolezza di tutti che solo uniti si può battere la destra. È quanto stiamo facendo in Abruzzo ed è quanto dobbiamo fare anche in Basilicata", dicono i dem. E anche i 5 Stelle citano la competizione aperta in Abruzzo e quella vinta in Sardegna: "Il M5S si è confrontato con Angelo Chiorazzo, rappresentante di Basilicata Casa comune, confermando la vocazione unitaria che ha già dimostrato di poter creare premesse di cambiamento in Sardegna e in Abruzzo – dove il progetto politico interpretato da Alessandra Todde si è rivelato vincente e quello interpretato da Luciano D’Amico si sta rivelando fortemente competitivo". La strada per la Basilicata al momento resta dunque ancora in salita ma, a quanto si riferisce, resta forte la volontà di chiudere in tempi stretti. Magari prima del voto in Abruzzo. Tanto che, a quanto si appende, non si esclude un nuovo confronto domani mattina tra Chiorazzo e la segretaria pd, Elly Schlein, e il leader M5S, Giuseppe Conte.  —politicawebinfo@adnkronos.com (Web Info)