(Adnkronos) –
Comau ha unito le forze con LiNa per progettare una soluzione per la produzione innovativa e scalabile delle celle per batterie allo stato solido al sodio-metallo-cloruro. La partnership ha definito un modello progettuale che ha consentito a LiNa, leader nelle tecnologie a basso costo per le batterie al sodio allo stato solido, di automatizzare il processo di produzione delle batterie stesse. "Questa prima fase di studio per la produzione automatizzata, progettata con il team di ingegneri di Comau, fornisce una chiara tabella di marcia tecnologica per aumentare significativamente la capacità produttiva delle nostre celle brevettate per le batterie", ha affermato Kris Barr, Direttore operativo di Comau. "Dopo aver condotto con successo ricerche sulla dinamica dei processi e aver finalizzato una proposta di design innovativa, non vediamo l'ora di compiere i passi successivi per la commercializzazione delle nostre batterie al sodio allo stato solido, sostenibili e a basso costo."
  "Il nostro costante impegno per la transizione energetica si sposa perfettamente con un'azienda come LiNa, la cui visione e competenza ingegneristica promuovono e consentono lo sviluppo di soluzioni di accumulo di energia ad alte prestazioni a base di sodio", conferma Gian Carlo Tronzano , Responsabile del Global Competence Center e-Mobility. "È stata un'ottima opportunità poter lavorare fianco a fianco, con l’obiettivo di convalidare la progettazione di un processo produttivo che avvierà LiNa verso l'industrializzazione su larga scala della sua tecnologia per le celle al sodio allo stato solido."
 —motoriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)