Il cardinale Matteo Maria Zuppi è il nuovo presidente della Conferenza Episcopale Italiana. La nomina è arrivata questa mattina da Papa Francesco ed è stata annunciata ai vescovi dal Gualtiero Bassetti. L’arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, che ha ricoperto il medesimo incarico negli ultimi cinque anni, ha dato lettura della comunicazione del Pontefice.

I vescovi – informa la Cei – riuniti per la loro 76ª assemblea generale avevano proceduto all’elezione della terna per la nomina del presidente, secondo quanto previsto dallo Statuto. Zuppi era il primo dei votati, nella terna il cardinale arcivescovo di Siena Paolo Lojudice e il vescovo di Acireale, monsignor Nino Raspanti.

Chi è il nuovo presidente Cei

Il cardinale Matteo Maria Zuppi nasce a Roma l’11 ottobre 1955, quinto di sei figli. Nel 1973, studente al liceo Virgilio, conosce Andrea Riccardi, il fondatore di Sant’Egidio, iniziando a frequentare la Comunità e collaborando alle attività al servizio degli ultimi da essa promosse: dalle scuole popolari per i bambini emarginati delle baraccopoli romane, alle iniziative per anziani soli e non autosufficienti, per gli immigrati e i senza fissa dimora, i malati terminali e i nomadi, i disabili e i tossicodipendenti, i carcerati e le vittime dei conflitti; da quelle ecumeniche per l’unità tra i cristiani a quelle per il dialogo interreligioso, concretizzatesi negli Incontri di Assisi.

A 22 anni entra nel seminario della diocesi suburbicaria di Palestrina, seguendo i corsi di preparazione al sacerdozio alla Pontificia Università Lateranense. Ordinato sacerdote per il clero di Palestrina il 9 maggio 1981 dal vescovo Renato Spallanzani, subito dopo viene nominato vicario del parroco della basilica romana di Santa Maria in Trastevere, monsignor Vincenzo Paglia, succedendogli nel 2000 per dieci anni. Il 31 gennaio 2012 Benedetto XVI lo nomina vescovo titolare di Villanova e ausiliare di Roma (per il Settore Centro). Il 27 ottobre 2015 Papa Francesco lo nomina alla sede metropolitana di Bologna e il 5 ottobre 2019 lo crea cardinale con il Titolo di Sant’Egidio. È membro del Dicastro per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale e dell’Ufficio dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica.

Congratulazioni dal mondo politico e religioso

Dal mondo religioso, politico e istituzionale arrivano le congratulazioni a Zuppi. Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, ha espresso il suo augurio affermando che “sotto la sua guida saggia la Chiesa Italiana continuerà a percorrere un cammino importante fatto di attenzione per gli ultimi, battendosi per la lotta alle diseguaglianze e sempre volto alla ricerca del bene comune. A lui i più sentiti auguri”.

Sulla stessa scia il sindaco della capitale, Roberto Gualtieri: “Congratulazioni al Cardinale Matteo Zuppi. Un grande romano da sempre impegnato nel sostegno agli ultimi e nella promozione del dialogo e della pace. Buon lavoro!”.

Parole di apprezzamento sono state espresse da numerosi esponenti della politica italiana, dalle associazioni e dei rappresentanti delle altre confessioni religiose presenti in Italia.