(Adnkronos) –
Bolletta della luce in calo del 10,8% per la famiglia tipo in tutela nel primo trimestre 2024. Lo comunica l'Arera in una nota. ''Sul finire dell’anno, le tensioni in Medio Oriente hanno interrotto il trend in discesa dei prezzi delle materie prime energetiche, tra cui il petrolio e il gas naturale'', spiega l'Autorità.  
La spesa per la bolletta elettrica della famiglia tipo nell'anno compreso tra il primo aprile 2023 e il 31 marzo 2024, sarà di circa 684 euro, in calo del 50% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell'anno precedente. Nel dettaglio delle singole componenti in bolletta, il prezzo finale per la famiglia tipo risulta di 25,24 centesimi di euro al kwh, comprensivo di imposte, contro i 28,29 centesimi di euro al kwh del trimestre precedente. La variazione del -10,8% è sostanzialmente legata alla diminuzione complessiva della spesa per la materia energia, circa -14%, controbilanciata da rialzi per le tariffe di rete regolate (trasporto e gestione contatore, +2,1%) e oneri generali di sistema (+1,1%).  L'Arera ricorda che da gennaio per ottenere il bonus sociale sarà necessaria una soglia Isee fino a 9.530 euro, che sale fino a 20.000 euro per le famiglie con più di 3 figli. Viene, inoltre, confermato il contributo straordinario crescente con il numero dei componenti familiari, applicato in automatico a chi già riceve il bonus elettrico, come previsto nella legge di bilancio 2024, all'esame del parlamento.  La domanda di gas ''si mantiene contenuta e il livello degli stoccaggi europei resta di poco inferiore al 90% della capacità disponibile''. Inoltre, ''la contrazione dei consumi di gas soprattutto nel settore termoelettrico, principalmente dovuta alla ripresa della generazione del parco nucleare francese e al contributo della produzione da fonti rinnovabili, ha favorito nel trimestre in corso il ribasso del prezzo dell’energia elettrica (pun) che, secondo le stime, nel primo trimestre del 2024 è atteso su valori intorno ai 114 euro/mwh.   —facilitaliawebinfo@adnkronos.com (Web Info)