(Adnkronos) – Nel 2024, Apple ha in programma di integrare in iPhone il supporto per la messaggistica RCS (Rich Communication Services), standard già utilizzato dalla maggior parte dei dispositivi Android. Questo aggiornamento, annunciato oggi dall'azienda, mira a migliorare l'interoperabilità tra iPhone e dispositivi Android. La messaggistica RCS, sviluppata sotto il profilo Universal Profile dalla GSM Association, è progettata per superare le limitazioni degli SMS e MMS tradizionali. Con questa tecnologia, gli utenti iPhone potranno godere di funzionalità avanzate, come la conferma di lettura, indicatori di scrittura, condivisione di immagini e video ad alta risoluzione, nonché la possibilità di condividere la propria posizione nei thread di messaggi. Questo passo avanti, tuttavia, non significa che Apple stia aprendo iMessage ad altre piattaforme. Secondo quanto riportato da 9to5Mac, il RCS opererà in modo indipendente da iMessage e servirà principalmente a sostituire SMS e MMS nei dispositivi Apple. La decisione di Apple di adottare RCS potrebbe essere stata influenzata dalla pressione normativa dell'Unione Europea, in particolare dal Digital Markets Act (DMA). Questo regolamento richiede alle grandi aziende di rendere i loro servizi interoperabili con altre piattaforme. A tal proposito, la Commissione Europea ha avviato un'indagine su iMessage per stabilire se debba essere considerato un "servizio di piattaforma centrale". Apple, tuttavia, sostiene che iMessage non sia abbastanza popolare in Europa per giustificare l'applicazione di tali norme e sta pianificando di presentare un ricorso contro la regolamentazione del suo App Store da parte del governo. Alcune aziende, come Google e Samsung, hanno da tempo sollecitato Apple ad aggiungere il supporto per RCS, utilizzando campagne di marketing e video promozionali. Questo mese, Google ha inviato una lettera alla Commissione Europea sostenendo che iMessage dovrebbe essere considerato un servizio di piattaforma centrale secondo il DMA. Anche Nothing, l'azienda telefonica fondata da Carl Pei, co-fondatore di OnePlus, ha deciso di rispondere ad Apple introducendo un sistema di messaggistica simile a iMessage nei suoi telefoni Android. L'apertura di Apple verso RCS, benché possa non derivare da una scelta volontaria, rappresenta un cambiamento significativo, soprattutto per chi ha dovuto affrontare lo scambio di video di bassa qualità e altre funzionalità mancanti nel comunicare tra dispositivi iPhone e Android. —tecnologiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)